rimuovere adesivi pubblicitari

Rimuovere adesivi pubblicitari: soluzioni per ogni superficie

Una campagna promozionale utilizza spesso la forza visuale e l’impatto immediato degli adesivi: basti pensare alle segnalazioni di inizio saldi o alle decorazioni che caratterizzano le automobili e portano il logo di un’azienda in giro per le strade. Poi però, a campagna conclusa, accade che diventa necessario rimuovere gli adesivi pubblicitari dalla superficie interessata, scoprendo quanto sia complicato procedere all’operazione in modo efficace e senza lasciare tracce. Ecco allora una serie di consigli per una rimozione rapida ed efficace degli stickers su tutte le superfici: vetro, plastica, legno e carrozzeria dell’auto.

LEGGI ANCHE: Che cos’è la vetrofania: guida agli adesivi per vetrine

Rimuovere adesivi da una superficie in vetro

Il vetro è la superficie che, più spesso di qualunque altra, si trova nelle condizioni di accogliere adesivi decorativi o promozionali, basti pensare alle vetrine dei negozi o alle teche espositive degli store. La rimozione degli adesivi dal vetro può essere eseguita attraverso l’utilizzo di diversi metodi; il più diffuso, efficace e meno invasivo consiste nell’utilizzo di un taglierino imbevuto nell’alcool puro. Attraverso un lavoro chirurgico di rimozione dello sticker, in questo modo è possibile eliminare l’adesivo senza lasciare tracce né aloni. Occorre però prestare molta attenzione durante il lavoro, perché un’esecuzione maldestra può causare graffi sulla superficie. I meno pratici di lavori manuali, in caso di adesivi in carta, possono optare per diverse soluzioni quali acetone, solvente per le unghie o olio d’oliva.

Rimuovere adesivi da una superficie in plastica

Per ripulire dalla colla superfici più insidiose come quelle in plastica, è consigliabile utilizzare del cotone imbevuto di latte detergente, una sostanza non invasiva, ma allo stesso tempo efficacissima per eliminare l’adesivo in modo rapido e senza l’utilizzo di prodotti chimici. Meno adatto, ma risolutivo, è anche il detergente per le unghie, anche se in questo caso è bene assicurarsi che il prodotto non lasci residui sulla plastica, effettuando prima un test su una zona meno visibile.

Rimuovere adesivi da una superficie in legno

Il legno è la superficie più resistente in fatto di rimozione degli adesivi. Occorre qui prima di ogni altra cosa comprendere appieno di che tipo di superficie si tratta: laminati e legni rivestiti, infatti, presentano una superficie che non è di materiale legnoso; in questi casi vanno benissimo i prodotti già indicati, a cui possiamo aggiungere anche il bicarbonato e il succo di limone e aceto (un composto da creare in casa mescolando i due ingredienti in un pentolino fino a renderlo tiepido). Con le superfici di legno, invece, è opportuno utilizzare una tecnica non invasiva basata sul riscaldamento dell’adesivo attraverso l’aria calda di un phon, per poi eliminare gli ultimi residui di colla attraverso la calla assorbente imbevuta di alcool o, come con la plastica, il latte detergente.

LEGGI ANCHE: Come allestire la vetrina di un negozio: i 5 consigli d’oro

Rimuovere adesivi dalla carrozzeria dell’auto

La carrozzeria dell’auto deve essere trattata delicatamente per non rischiare di rimuovere la vernice dal veicolo. Il primo tentativo può essere fatto, semplicemente, utilizzando una spatola di plastica, provando a rimuovere lo sticker delicatamente. Se il tentativo non funziona, si può tentare con la cera per auto, prodotto indicatissimo per eliminare i residui di colla. Se anche così non doveste ottenere i risultati sperati, si può optare per una soluzione a base di alcool puro, da lasciare vaporizzare sulla parte interessata per pochi secondi, procedendo poi con un phon per infiacchire la collosità dell’adesivo, quindi provare la rimozione con le unghie.