Impaginazione grafica: cos’è e come si struttura

Devi stampare il tuo catalogo promozionale ma non sai praticamente nulla sull’impaginazione grafica? È comprensibile: se non sei propriamente del settore, può essere complesso scegliere la migliore impaginazione per il tuo prodotto. Sia che si tratti di brochure, libri veri e propri che opuscoli, una grafica ed una struttura delle pagine perfetta può fare davvero la differenza.

Ecco perchè abbiamo deciso di aiutarti, ma prima di iniziare, hai ben chiaro che cos’è l’impaginazione grafica?

Impaginazione grafica: cos’è?

L’impaginazione non è altro che la disposizione di un testo, parola o semplicemente paragrafo all’interno della pagina di un libro, opuscolo ecc… Quante volte ti sarà capitato, infatti, di prendere in mano la brochure di un’azienda, sfogliarla e trovarla esteticamente professionale ma soprattutto chiara nei suoi contenuti? Probabilmente tante. Ciò è dovuto principalmente ad una corretta impaginazione e dimostra quanto questa non sia frutto di scelte compiute a caso, ma solo il risultato di uno studio approfondito del prodotto finale che si è voluto ottenere. Ecco perché, ti consiglio di non improvvisarti grafico esperto del settore, ma di seguire i nostri consigli in modo tu possa realizzare un opuscolo davvero efficace.

LEGGI ANCHE: Layout manifesto: come realizzarlo in modo efficace

Pronto a scoprire le nostre piccole dritte sull’impaginazione grafica?

1. Impaginazione grafica: scegli il font

Un testo è composto da parole; le parole sono un insieme di lettere; e le lettere, in gergo informatico sono definite caratteri. Ogni carattere scritto in rete, su un libro, su un biglietto da visita, ha un suo font ben specifico, che lo rende chiaro, professionale e soprattutto pertinente. Ecco perché la scelta del font non può essere compiuta alla leggera, scegli font professionali, leggibili per la tua stampa.
Puoi anche optare per il classico Times New Roman, definito spesso molto banale in tipografia, ma senza dubbio professionale ed esteticamente decifrabile. Ti sconsiglio di evitare di mischiare più font all’interno del testo del tuo catalogo, poiché potresti rischiare di stampare un prodotto confuso o comunque poco elegante agli occhi dell’utente.

2. Impaginazione grafica: ordina i paragrafi

Dopo aver scelto il font, si passa alla strutturazione dei paragrafi. Iniziamo con l’allineamento, la funzione che permette di spostare i paragrafi verso destra, sinistra o al centro. Solitamente, quando si stampa un libro, si utilizza l’allineamento giustificato (cioè centrato) ma puoi anche decidere di optare per un classico allineamento verso sinistra, in modo da facilitare anche la lettura da parte dei tuoi utenti. Fatto ciò, si passa alla scelta dei margini, cioè gli spazi bianchi dove il foglio verrà successivamente tagliato. Il mio consiglio è quello di optare per margini da 5mm, una lunghezza idonea per un taglio professionale.

3. Prendi in considerazione le gabbie

Mai sentito parlare della gabbia? No, non ha niente a che vedere con gli animali, gli zoo e quant’altro. La gabbia è una struttura invisibile, composta da linee verticali ed orizzontali, utili per capire come posizionare i vari blocchi di testo e le immagini su di una pagina. In altre parole, parliamo di una sorta di rettangoli che vengono disposti su un foglio in bozza, allo scopo di riuscire a delineare in modo semplice il l’impaginazione di un prodotto.
Tra le regole principali dell’uso della gabbia abbiamo:

  • Ogni testo deve essere racchiuso in una gabbia;
  • Ogni gabbia deve essere equilibrata con gli altri testi ed eventuali immagini della pagina;
  • Non strutturare gabbie troppo particolari: potresti correre il rischio di impaginare testi confusi, e che non seguono un filo logico tra loro.

Immagina che tu debba stampare la brochure della tua azienda e debba decidere come posizionare testo, titoli ed immagine su ogni pagina. Racchiudendo ogni contenuto, titolo e foto in una gabbia rettangolare ben definita, riuscirai ad ordinare in modo semplice il posizionamento di ogni elemento e a ripeterlo uniformemente in ogni pagina del tuo opuscolo.

LEGGI ANCHE: Risoluzione immagine per stampa: cos’è e come sceglierla

Come si ottiene l’impaginazione perfetta?

Sicuramente facendo molti e molti tentativi. La cosa più importante è avere ben chiaro quale deve essere il risultato finale di un prodotto. Da lì sarà molto semplice capire come strutturare ogni singolo foglio. Ad esempio: nella tua brochure, è il testo il vero pezzo forte? Allora mettilo in evidenza usando un font chiaro e leggibile e soprattutto racchiudendolo in una gabbia molto grande e centrale nella pagina. Lo stesso vale sia che si tratti di foto, loghi e quant’altro. Insomma, prova, prova e prova ancora. Solo così riuscirai a trovare l’impaginazione grafica perfetta per ogni tuo prodotto.