Stampa su supporti rigidi: alternative e come scegliere

Ti è mai capitato di voler stampare un cartellone pubblicitario ma di non sapere che materiale scegliere? Oppure, ti è mai successo di dover allestire un’insegna per il tuo negozio e di non sapere come realizzarla? In questo caso, la soluzione si chiama supporto rigido: plexiglass, alluminio e tanti altri che vedremo in questo articolo, e che ti permettono di ottenere stampe eccellenti in base ai tuoi obiettivi di comunicazione. Il processo di stampa su supporti rigidi si sta diffondendo sempre più, proprio perché versatile per qualsiasi occasione e destinazione d’uso. Ora ti starai chiedendo: ma come funziona questa tipologia di stampa, e quali materiali possono essere utilizzati? Scopriamolo insieme.

Cos’è la stampa su supporti rigidi?

La stampa su supporti rigidi si definisce anche diretta, in quanto la sua applicazione avviene direttamente sul materiale scelto, senza l’uso di altre macchine applicative. Tale sistema permette di preservare la qualità della stampa molto più a lungo rispetto al fissaggio delle superfici adesive sul materiale.Ti consigliamo di usarla se vuoi allestire uno spazio pubblicitario composto, ad esempio, da pannelli dove mostrare i prodotti in promozione oppure offerte speciali; ma anche per occasioni più private come, ad esempio, per un regalo o per abbellire un complemento d’arredo della tua casa. Puoi scegliere tra diversi tipi di materiali, a seconda delle tue esigenze. Adesso però, ti voglio illustrare i supporti rigidi più utilizzati nel mondo della stampa.

Forex

Il forex è un tipo di materiale molto leggero ed economico. Possiede una struttura interna ad alveoli e si realizza in PVC espanso, un materiale che si presta bene al processo di stampa diretta. Scegliendo il forex otterrai una stampa opaca ed omogenea ma al contempo cromaticamente più attrattiva. Il suo spessore può essere di 3mm, 5mm o 10mm. Inoltre, il materiale è molto resistente a tutti gli agenti esterni. Per questo ti consigliamo di utilizzarla se vuoi realizzare insegne di richiamo o allestimenti per il tuo punto vendita. Ad esempio, hai aperto da poco il tuo negozio di giocattoli e ti piacerebbe catturare i vispi occhi dei tuoi piccoli clienti? Ti consiglio di installare una grande insegna in forex: i colori risulteranno vividi agli occhi di ogni passante e ti garantirai una insegna resistente ad ogni intemperia.

Plexiglass

Il plexiglass è un materiale semitrasparente, molto simile al vetro. È rigido, leggero e dallo spessore compreso tra i 2mm e i 10mm. Perché è vantaggioso utilizzarlo? Innanzitutto per la sua versatilità: infatti il plexiglass si adatta ad ogni tipo di design e concept, dal più moderno al tradizionale; Inoltre, puoi scegliere tra un elevato assortimento di dimensioni e colori, tutti con altissimo indice di trasmissione luminosa (92%). Lo svantaggio del plexiglass? Spesso la coprenza della stampa non genera risultati ottimali: per ovviare ciò, è uso comune stampare una notevole quantità di inchiostro bianco sulla superficie opposta a quella stampata a colori, in modo da rendere le immagini omogenee e prive di noiose sbavature. Con il plexiglass puoi dar sfogo alla tua fantasia: ad esempio, se hai un’agenzia immobiliare, puoi servirtene per realizzare splendidi pannelli dove pubblicizzare le offerte più vantaggiose o per richiamare dalla vetrina l’attenzione dei tuoi potenziali clienti.

Plexiglass Trasparente

La peculiarità del plexiglass trasparente è che, durante la stampa, l’immagine viene trasferita direttamente sulla superficie, in modo da ottenere da subito colori brillanti e linee nitide. Ha un peso molto inferiore rispetto al vetro ed è simile alla fibra ottica. Puoi utilizzarlo per impreziosire l’ambiente di un luogo commerciale, oppure per realizzare insegne dal grande formato per il tuo negozio. Ad esempio, se sei proprietario di un bed & breakfast e cerchi una soluzione per farti riconoscere dai tuoi clienti, ti consiglio di stampare il tuo logo utilizzando il plexiglass trasparente: la tua insegna apparirà più visibile e i colori risulteranno più compatti, oltre che molto eleganti.

Plexiglass opalino

Il plexiglass opalino è simile al plexiglass tradizionale: la differenza è che è di color bianco latte e assorbe la luce: per questo viene utilizzato per insegne luminose. La stampa è in modalità backlight: i colori dell’immagine vengono sovraccaricati di tonalità, in modo da apparire chiari e nitidi all’esterno, anche nel momento in cui non è accesa l’insegna. Il plexiglass opalino è perfetto da utilizzare se vuoi illuminare il tuo locale rendendolo attrattivo per i passanti. Oppure, è la soluzione ideale se vuoi intraprendere una campagna pubblicitaria molto originale: ad esempio, hai un ristorante fuori città e ti piacerebbe evidenziare il tuo menù speciale per il cenone di Capodanno? Stampare un cartellone in plexiglass opalino renderà visibile il tuo menu anche da lontano, grazie al suo materiale così permeabile alla luce e resistente ad ogni intemperia esterna. E non dimenticare che il plexiglass opalino è in grado di durare almeno 3 anni per uso esterno ma anche molto di più se decidi di impiegarlo in ambienti chiusi.

Alluminio- Dibond

Non hai mai sentito parlare di alluminio Dibond? Allora sappi che ti sei perso un materiale unico per la sua versatilità, oltre che economico e durevole nel tempo. L’alluminio Dibond ha una composizione molto semplice: due lamine esterne in alluminio e una lastra di polietilene nera. Per farti capire meglio, si tratta di una sorta di sandwich, in cui le due lamine esterne schiacciano la lastra di polietilene. La peculiarità che contraddistingue questo materiale è la sua autoestinguenza, che lo rende sicuro da utilizzare in qualsiasi locale commerciale o meno. Inoltre, è resistente ai raggi UV e soprattutto è fonoassorbente, perfetto per locali commerciali chiassosi come centri scommesse o che richiedono silenzio, come le librerie. Inoltre, l’alluminio Dibond può rendere prezioso ogni oggetto di design. Ad esempio, se hai un piccolo negozio di telefonia e sei un fanatico dell’arredo minimal, la stampa in alluminio Dibond si presta ad allestimenti commerciali freschi e dallo stile colorato e contemporaneo. Ma non è tutto: puoi utilizzarlo anche come componente d’arredo del tuo ufficio: le mensole in alluminio sono resistenti, robuste ed estremamente sicure.

Polionda

La stampa a polionda è probabilmente una delle più utilizzate nel mondo del commercio. Non ci credi? Scommettiamo che hai davanti a te un oggetto stampato a polionda senza saperlo? Sì perché i pannelli a polionda sono composti da materiale plastico e flessibile, utilissimi per qualsiasi attività commerciale. Il loro spessore varia dai 3mm ai 10mm e garantiscono stampe di qualità per qualsiasi tipo di contenuto. Sono resistenti all’urto e a tutti gli agenti atmosferici e si utilizzano in qualsiasi settore: dalla scatola per le pizze, a quelle dei medicinali, passando per i classici cartelloni pubblicitari. Puoi servirtene sia che tu abbia un negozio alimentare che un’agenzia pubblicitaria, in quanto la versatilità è sicuramente un punto forte di questo materiale. Se sei proprietario di un’azienda che si occupa di allestimento di cantieri, sappi che puoi utilizzare la polionda anche per la tua cartellonistica informativa. Il vantaggio? I tuoi cartelloni saranno leggeri, non avrai speso una fortuna per il processo di stampa, e riuscirai a veicolare e diffondere il tuo messaggio in qualsiasi luogo tu abbia bisogno.

Esiste un materiale migliore dell’altro?

Assolutamente no. Ogni materiale, che sia il plexiglass o l’alluminio, si contraddistingue per peculiarità e modi d’uso differenti. Per scegliere il materiale migliore, pensa al messaggio che vuoi veicolare. Se, ad esempio, vuoi diffondere il tuo brand con un’insegna luminosa, il materiale perfetto è certamente il plexiglass opalino. Ma se vuoi un’insegna più elegante e sofisticata, allora sarebbe bene optare per lo stesso materiale, ma più trasparente. È possibile creare un’insegna in alluminio Dibond? Assolutamente sì, ma il suo risultato potrebbe apparire più grezzo e poco elegante, rispetto al plexiglass. Insomma, in base ai tuoi obiettivi, al tuo gusto personale e alle informazioni che hai appreso, scegli il materiale che meglio si addice al prodotto che vorrai realizzare.