come stampare un libro

Come stampare un libro con il self publishing

Se siete appassionati di scrittura, probabilmente custodite nel cassetto della vostra camera o, più verosimilmente, nella memoria del vostro Pc o hard disk, un vostro romanzo. E probabilmente, almeno una volta vi siete chiesti come stampare il vostro libro senza rivolgervi a un editore. Diciamo subito che si tratta di una cosa decisamente fattibile, sia che vogliate avventurarvi in una operazione di self publishing e sia che vogliate semplicemente realizzare una copia di stampa per pura soddisfazione personale.

LEGGI ANCHE: Come creare la copertina di un libro: consigli grafici

Che cos’è il self publishing

Fino a non molti anni fa, l’unico modo per pubblicare un proprio libro era quello di passare attraverso una casa editrice, la quale è spesso solita chiedere un contributo all’autore, pur restando essa stessa titolare del copyright dell’opera. Grazie al self publishing, oggi l’autore diventa anche imprenditore del proprio progetto editoriale: lui provvede alle spese relative alla stampa e alla promozione del libro e, di conseguenza, incassa i proventi della pubblicazione.

Self publishing e codice ISBN

Uno dei motivi per cui, fino a pochi anni fa, è stato tanto complicato per gli autori svincolarsi dalla presenza di un editore è stata la necessità da parte di chi vende un libro di registrare un codice ISBN, il quale permette di inserire l’opera nel catalogo ufficiale delle edizioni pubblicate (per dare l’idea, è come quando un musicista registra un proprio brano alla SIAE). A partire dal gennaio 2015, anche i privati possono ottenere per i propri libri un codice ISBN univoco che permetta loro di commercializzare l’opera senza passare da un editore accreditato.

Richiedere un codice ISBN

L’autore può dunque rivolgersi a una agenzia di self publishing che disbriga le pratiche per suo conto oppure può provvedere in totale autonomia a ogni step per la pubblicazione. Nel secondo caso, occorre rivolgersi all’Agenzia italiana ISBN, ente autorizzato a rilasciare i codici ISBN, e richiedere suddetto codice. Il costo è di 80 euro per un singolo codice, di 150 euro per due e di 220 euro per tre, IVA esclusa (l’auto publisher può acquistare fino a un massimo di 5 codici per volta). Va specificato che i codici ISBN sono univoci; ciò significa che se l’autore sceglie di pubblicare il proprio libro sia in formato cartaceo e sia Kindle dovrà munirsi di due codici differenti.

Come stampare un libro

Ancora però non ci siamo occupati di come stampare un libro. Se oggi è stato possibile dare avvio e crescita a un mercato come quello del self publishing, il merito è anche della stampa digitale, che consente di abbattere i costi di stampa, anche nel caso di un numero limitato di copie, garantendo al contempo un’ottima qualità di riproduzione. Le piattaforme che gestiscono il servizio di stampa, rilegatura e spedizione offrono un’ampia gamma di scelta per formati, tipologia di carta, di rilegatura e di stampa. Ovviamente, il costo per singola stampa diminuisce in relazione alla tiratura ordinata. Va però detto che il prezzo per una singola copia non è affatto proibitivo: ciò significa che non è necessario che vogliate intraprendere un vostro percorso da self publisher, il servizio è adatto anche a chi volesse semplicemente realizzare una copia per sé, da conservare privatamente.

LEGGI ANCHE: Dimensione del font: come si fa a scegliere quella giusta?

Come procedere in autonomia

Chi non vuole avvalersi di nessun servizio extra oltre a quello della stampa, può procedere in totale autonomia. Per prima cosa, sarà necessario formattare il file dell’opera in base al layout scelto per la stampa. Ovviamente serviranno una copertina e una retro copertina; in tal caso è vietato utilizzare immagini di cui non si possiede il diritto all’utilizzo; ciò significa che dovrà essere l’autore a sviluppare le immagini attraverso programmi di grafica e adattando sempre il formato a quello selezionato per la stampa. A quel punto, si pensa alla rilegatura, che è gestita dalla stessa tipografia, almeno che non si preferisca ricevere esclusivamente il materiale cartaceo non rilegato e gestire autonomamente anche quest’ultimo passaggio: è però decisamente sconsigliabile procedere su questa strada per attività di self publishing!