immagine coordinata cos'è

Immagine coordinata aziendale: che cos’è e come progettarla

L’immagine coordinata è composta da tutti gli elementi grafici che definiscono l’aspetto visuale della comunicazione di un marchio, sia esso un’azienda, un’associazione, una società sportiva, ecc. L’immagine coordinata non ha a che fare solo con l’aspetto estetico di un ente esposto pubblicamente, ma anche e soprattutto con la propria identità e con i valori che esso intende comunicare presso i propri utenti.

LEGGI ANCHE: Tipi di logo: testuale, monogramma, iconografico…

Gli elementi dell’immagine coordinata

Ogni elemento che costituisce la comunicazione visuale di un brand è parte della sua immagine coordinata. Il logo è certamente uno degli aspetti fondamentali intorno a cui si definisce il marchio, non solo nel suo sviluppo grafico, ma anche nella scelta dei colori. I colori, appunto, sono un altro fattore centrale dell’immagine aziendale: essi solitamente sono utilizzati in modo coerente e tendono a diventare parte integrante dell’immagine aziendale e a non variare in relazione al tipo di comunicazione e al canale impiegati. I colori aziendali sono presenti all’interno del logo, sul sito, nelle comunicazioni social, per gli allestimenti provvisori e in ogni altra narrazione del brand. Come detto, però, ogni singolo elemento riconducibile alla comunicazione di marchio deve essere inserito all’interno di una comunicazione stilisticamente coerente: la carta intestata, le insegne degli store, le divise dei dipendenti, il tipo di font scelto per le comunicazioni pubbliche sono tutti parte di una narrazione di marca compatta, coordinata appunto.

Coerenza estetica e non solo

L’immagine coordinata, come suggerisce lo stesso nome, permette a un marchio di raccontare se stesso in modo coeso e riconoscibile. Ne consegue che essa assume una valenza molto ampia e che non si limita all’aspetto visuale o grafico. Quando si parla di immagine coordinata aziendale si fa riferimento anche allo storytelling di un marchio, al modo in cui esso si racconta. Ciò significa che occorre che si verifichi la piena sintonia tra i valori, la storia e i tratti distintivi del marchio e il modo in cui esso si racconta. Un’azienda, ad esempio, che mira a raccontare se stessa come una realtà dinamica e innovativa, opterà verosimilmente per un’immagine coordinata d’impatto, selezionando colori caldi e accesi, associati a un content marketing enfatico ed emozionale sul proprio sito web, sui canali social, sulle comunicazioni a mezzo stampa e cartacee.

Come ideare l’immagine coordinata di un marchio

Il punto da cui partire per ideare l’immagine coordinata di una marca è l’individuazione dei tratti distintivi dell’azienda e nella definizione della sua identità. L’immagine coordinata, infatti, è il mezzo attraverso cui le aziende rendono manifesta e palpabile l’identità aziendale, la raccontano al pubblico e si distinguono dalla concorrenza. L’approccio è di natura strategica e mira a definire un’identità che sia non solo riconoscibile e differente da quelle della concorrenza, ma anche seducente, attrattiva e significativa.

LEGGI ANCHE: Come creare una carta intestata in modo professionale?

Perché l’immagine coordinata è così importante

Oggi il consumo è un atto dal forte valore simbolico. Non acquistiamo più esclusivamente con un intento funzionale, ma le scelte che compiamo ci permettono di esprimere noi stessi all’interno della società. Ognuno di noi definisce se stesso mediante le marche, i prodotti, l’abbigliamento. Ciò è reso possibile dal fatto che ogni marca è espressione di una serie di valori, una direzione, una visione del mondo. È soprattutto grazie alla sua immagine coordinata che un brand può farsi portavoce di significati specifici in funzione dei quali il consumatore sceglie (o meno) di acquistare.